Un maggiore utilizzo dei social media porta a un’immagine corporea negativa: studio

Salute

Ritrattistica artistica che mostra le aspettative della società.— Unsplash
Ritrattistica artistica che mostra le aspettative della società.— Unsplash

Un nuovo studio ha dimostrato che lo scorrimento di Instagram crea ideali di immagine corporea non realistici e si traduce in livelli più bassi di soddisfazione per l’aspetto.

Sorprendentemente, le persone hanno riferito di essere state “danneggiate” più dai post di familiari e amici che da celebrità e influencer.

Un’immagine corporea desiderabile che proviene da qualcuno famoso e ricco potrebbe essere percepita come difficile da raggiungere e le persone potrebbero essere più indulgenti. Tuttavia, quando proviene da amici e familiari, può far preoccupare di più le persone.

Numerosi studi hanno mostrato il legame tra l’uso dei social media e i problemi di immagine corporea. Uno studio del 2016, ad esempio, ha rilevato che l’uso dei social media aumenta il rischio che i giovani adulti sviluppino disturbi alimentari.

I ricercatori hanno studiato 50 giovani adulti provenienti da Germania e Austria.

Tutti i gruppi demografici, ovvero le persone indipendentemente da sesso, età e stato socioeconomico, sono risultati ugualmente colpiti dai social media, hanno riferito gli esperti della University of Pittsburgh School of Medicine.

L’autore principale Jaime E Sidani ha affermato che i social media hanno propagato “stereotipi che possono portare a problemi di alimentazione e immagine corporea”.

Gli esperti hanno chiesto agli intervistati le 11 piattaforme di social media più famose e utilizzate: Facebook, Instagram, Google Plus, LinkedIn, Pinterest, Tumblr, Reddit, Snapchat, Twitter e YouTube.

Lo studio, guidato dai ricercatori dell’Anglia Ruskin University nell’East Anglia e della Karl Landsteiner University of Health Sciences in Austria, ha riportato i risultati sulla rivista Immagine del corpo.

L’autore, il professor Viren Swami, ha affermato che le piattaforme di condivisione di foto hanno creato “opportunità illimitate per gli utenti di fare confronti negativi e interiorizzare gli ideali dell’aspetto”, portando a un’immagine corporea negativa.

Source link