Pechino vede casi record di COVID mentre l’epidemia in Cina si sviluppa a spirale

Salute

Più di 28.000 nuove infezioni sono state segnalate a livello nazionale.— AFP
Più di 28.000 nuove infezioni sono state segnalate a livello nazionale.— AFP

PECHINO: la capitale cinese Pechino ha registrato un numero record di nuovi casi COVID martedì, con la città accovacciata sotto una stretta soffocante di restrizioni che hanno mandato le scuole online, chiuso molti ristoranti e costretto i dipendenti a lavorare da casa.

Sono state segnalate più di 28.000 nuove infezioni a livello nazionale – vicino al livello record dall’inizio della pandemia – con la provincia del Guangdong e la città di Chongqing che registrano rispettivamente oltre 16.000 e 6.300 casi, hanno affermato le autorità sanitarie.

Anche i nuovi casi a Pechino sono aumentati negli ultimi giorni, più che raddoppiando dai 621 di domenica ai 1.438 di martedì, un record di pandemia per la città.

L’ultima grande economia ancora saldata a una politica COVID di tolleranza zero, Cina blocchi improvvisi forzati, test di massa e quarantene per controllare i focolai con grande successo nelle prime fasi della pandemia.

Ma l’ultima epidemia a spirale sta mettendo alla prova i limiti di quel playbook, con funzionari desiderosi di evitare blocchi in tutta la città come il calvario di due mesi di Shanghai ad aprile, che ha rovinato l’economia e l’immagine internazionale del centro finanziario.

Tre anziani residenti di Pechino con malattie di base sono morti di COVID durante il fine settimana, hanno detto le autorità, segnando i primi decessi di COVID in Cina da maggio.

Mentre la capitale ha finora evitato una chiusura totale, ci sono stati blocchi improvvisi ampiamente applicati di singoli edifici e lunghe code per i test PCR a causa del requisito di un test negativo di 24 ore per l’ingresso nella maggior parte degli spazi pubblici.

Durante il fine settimana, le autorità hanno consigliato ai residenti di restare a casa e di non viaggiare tra i distretti. E lunedì ha richiesto ai viaggiatori in città di testare più volte dopo il loro arrivo.

Pechino vede casi record di COVID mentre l'epidemia in Cina si sviluppa a spirale

Molte attrazioni turistiche, palestre e parchi sono stati chiusi, con la cancellazione di eventi su larga scala come concerti.

L’11 novembre la Cina ha dichiarato il suo più significativo allentamento delle misure contro il coronavirus fino ad oggi, pubblicizzato come una “ottimizzazione” per limitare l’impatto economico e sociale delle misure zero-COVID.

Tra i passi c’era una riduzione dei tempi di quarantena obbligatoria per gli arrivi internazionali.

Diverse città cinesi hanno annullato i test COVID di massa la scorsa settimana, ma alcuni li hanno successivamente ripristinati, sottolineando la difficoltà di controllare la variante Omicron a rapida diffusione.

Shijiazhuang, che in precedenza aveva annullato i test di massa, ha iniziato un blocco parziale lunedì dopo che i casi sono aumentati, mentre anche diversi distretti dell’epicentro meridionale di Guangzhou sono stati chiusi lo stesso giorno.

Il limitato allentamento non ha segnato un’inversione di zero-COVID, che ha lasciato la Cina isolata a livello internazionale, ha provocato il caos nell’economia e ha scatenato proteste in un paese in cui il dissenso viene regolarmente represso.

Source link