L’OMS accoglie con favore il cambiamento della Cina nella strategia COVID

Un operatore sanitario in dispositivi di protezione individuale (DPI) trasporta tamponi e tubi per il test del coronavirus Covid-19 lungo una strada a Pechino il 2 dicembre 2022. — AFP
Un operatore sanitario in dispositivi di protezione individuale (DPI) trasporta tamponi e tubi per il test del coronavirus Covid-19 lungo una strada a Pechino il 2 dicembre 2022. — AFP

GINEVRA: L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato venerdì di essere lieta che la Cina stia ora allentando le sue restrizioni COVID-19, sulla scia delle proteste a livello nazionale per la risposta dura alla pandemia di Pechino.

Il malcontento si è riversato nelle strade lo scorso fine settimana e si è espanso in richieste di maggiore libertà politica, in manifestazioni diffuse che non si vedevano da decenni.

Le città di tutta la Cina si sono ulteriormente srotolate Restrizioni COVID venerdì, allentamento delle norme sui test e sulla quarantena.

“Siamo lieti di apprendere che il autorità cinesi stanno adeguando le loro attuali strategie”, bilanciando le misure di controllo con la vita delle comunità che hanno “soffrito”, ha detto in una conferenza stampa il direttore delle emergenze dell’OMS Michael Ryan.

“Speriamo che questo progredisca e vediamo emergere quella strategia coerente e calibrata che bilancia il controllo del virus con le vite, i mezzi di sussistenza, il benessere e i diritti umani del popolo cinese”.

Ryan ha affermato che ci sono state “frustrazioni naturali” in tutto il mondo poiché le persone hanno avuto la vita sconvolta dalla pandemia.

“È davvero importante che i governi ascoltino la loro gente quando le persone soffrono. Vogliamo davvero vedere che l’aggiustamento avvenga e acceleri”, ha affermato.

Tassi di assorbimento in miglioramento

Quanto a COVID-19 vaccinazione in Cina, Ryan ha affermato che l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite è stata lieta di vedere che i tassi di adozione stanno migliorando.

L’OMS ha dato il via libera all’Emergency Use Listing a nove vaccini e varianti COVID-19, di cui tre prodotti dalla Cina: quelli di Sinovac, Sinopharm e CanSinoBIO.

Tuttavia, quei tre non usano la tecnologia mRNA, come implementata nei colpi Pfizer-BioNTech e Moderna.

Ryan ha detto mRNA vaccini ha prodotto un’immunità “molto efficace” contro il virus e alcuni paesi che non hanno utilizzato tali vaccini nel loro ciclo di vaccinazione primaria li stavano ora utilizzando come booster per migliorare la protezione.

“So che le autorità cinesi stavano cercando di sviluppare i propri vaccini a mRNA e non credo che ci siano restrizioni all’accesso della Cina a questi.

“Certamente, è un’opzione molto solida per un paese prendere di mira i richiami utilizzando altri vaccini che potrebbero fornire una migliore ampiezza, profondità e durata della protezione”.

Source link

Previous post Il calendario delle festività italiane per il 2023
Next post Ischia evacuerà 1.000 persone per timori di ulteriori frane