Lo studio mostra che la peste di 700 anni fa ti colpisce oggi

Salute

Un'illustrazione che mostra il virus.— Unsplash
Un’illustrazione che mostra il virus.— Unsplash

Uno studio pionieristico pubblicato sulla rivista Natura ha dimostrato che la pandemia di peste che ha colpito l’umanità sette secoli fa ha lasciato il suo segno genetico sugli esseri umani.

A metà del 1300, il virus della peste nera si diffuse in tutta Europa e uccise metà della popolazione. Lo studio ha analizzato il DNA di scheletri di 700 anni fa e ha trovato mutazioni che hanno aiutato l’umanità a sopravvivere alla piaga mortale.

Tuttavia, le stesse mutazioni sono state anche trovate ironicamente associate a malattie autoimmuni.

I ricercatori sospettavano che la Morte Nera, che ha ucciso circa 200 milioni di persone, dovesse aver influenzato in qualche modo gli esseri umani e persino plasmato l’evoluzione umana.

Gli esperti hanno studiato il DNA dei denti di 206 antichi scheletri. Hanno anche analizzato le ossa di sepolture di massa a Londra.

La scoperta più importante riguardava i cambiamenti trovati nel gene chiamato ERAP2. Gli esperti hanno scoperto che quelli con la “mutazione giusta” avevano il 40% di probabilità in più di sopravvivere.

Il professor Luis Barreiro, dell’Università di Chicago, ha detto al BBC era “sorprendente” perché l’effetto sul genoma umano era “enorme”.

ERAP2 è responsabile della produzione di proteine ​​che attaccano i microbi estranei e attivano il sistema immunitario per affrontarli.

I geni sono disponibili in diverse versioni. Alcune versioni funzionano bene, mentre altre no. Le persone che hanno avuto la fortuna di ereditare geni con un funzionamento migliore sono state fortunate a sopravvivere.

“È l’evento di selezione più forte negli esseri umani fino ad oggi”, ha detto il professor Hendrik Poinar, genetista evoluzionista BBC.

I risultati sono stati poi confermati tramite la sperimentazione prelevando campioni da persone con la mutazione e utilizzando il batterio della peste, Yersinia pestis.

Poinar ha detto che era come “guardare la Morte Nera svolgersi in una capsula di Petri”.

Source link