Le malattie orali sono aumentate di 1 miliardo negli ultimi 30 anni: OMS

Salute

Giovane dentista femminile che tratta i denti di una paziente in una clinica moderna. — Pexels
Giovane dentista femminile che tratta i denti di una paziente in una clinica moderna. — Pexels

Secondo un nuovo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sui casi di malattie orali sono aumentate in tutto il mondo di un miliardo negli ultimi tre decenni.

“Quasi la metà della popolazione mondiale (45% o 3,5 miliardi di persone) soffre di malattie orali”, ha rivelato il Global Oral Health Status Report.

Il rapporto completo, che è il primo quadro in assoluto che mostra la condizione della salute orale raccogliendo dati da 194 paesi, ha evidenziato l’abbandono della salute orale, rivelando che “3 persone colpite su 4 vivono in paesi a basso e medio reddito. “

Il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che l’organizzazione si è impegnata a sostenere i paesi indipendentemente dal loro reddito per aumentare la consapevolezza sull’assistenza denti e bocche bisogno.

“La salute orale è stata a lungo trascurata nella salute globale, ma molte malattie orali possono essere prevenute e curate con le misure convenienti delineate in questo rapporto”, ha affermato in una nota.

“Le malattie orali più comuni sono la carie dentale (carie), gravi malattie gengivali, perdita dei denti e tumori orali”, afferma il rapporto.

Si stima che 2,5 miliardi di persone siano affette da carie dentale non trattata. Un altro miliardo è affetto da gravi malattie gengivali che portano alla perdita totale dei denti. Il rapporto ha anche rivelato che ogni anno vengono diagnosticati 380.000 nuovi casi scioccanti di tumori orali.

“Il rapporto sottolinea le evidenti disuguaglianze nell’accesso ai servizi di salute orale, con un enorme carico di malattie e condizioni orali che colpiscono le popolazioni più vulnerabili e svantaggiate”, si legge nella dichiarazione dell’OMS.

Evidenziando i gruppi vulnerabili, il rapporto nomina le persone con disabilità, coloro che vivono da soli o in case di cura, persone provenienti da contesti socio-economici inferiori, gruppi minoritari e persone che vivono in comunità remote e rurali.

“Mettere le persone al centro dei servizi di salute orale è fondamentale se vogliamo raggiungere la visione di una copertura sanitaria universale per tutti gli individui e le comunità entro il 2030”, ha affermato il dott. Bente Mikkelsen, direttore dell’OMS per le malattie non trasmissibili.

Source link