Le malattie non trasmissibili causano il 74% dei decessi mondiali: l’OMS

Salute

Sede dell'Organizzazione Mondiale della Sanità a Ginevra.  — File AFP
Sede dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Ginevra. — File AFP

GINEVRA: Malattie non trasmissibili come malattie cardiache, cancro e diabete sono responsabili del 74% dei decessi a livello globale e la repressione dei fattori di rischio potrebbe salvare milioni di vite, ha affermato mercoledì l’OMS.

Un rapporto dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite mostra che le cosiddette malattie non trasmissibili, che sono spesso prevenibili e causate da uno stile di vita o da condizioni di vita malsane, uccidono 41 milioni di persone ogni anno, di cui 17 milioni di età inferiore ai 70 anni.

Le malattie cardiache, il cancro, il diabete e le malattie respiratorie sono ora più numerose delle malattie infettive come i principali killer a livello globale, afferma il rapporto, intitolato “Numeri invisibili”.

“Ogni due secondi, qualcuno di età inferiore ai 70 anni muore di NCD”, ha detto ai giornalisti a Ginevra Bente Mikkelsen, capo della divisione dell’Organizzazione mondiale della sanità che sovrintende a tali malattie.

“Eppure una quantità minima di finanziamenti nazionali e internazionali viene spesa per le NCD. Questa è davvero una tragedia”.

Le malattie non trasmissibili non sono solo i più grandi assassini del mondo, ma hanno anche un grave impatto sul modo in cui le persone affrontano le malattie infettive, come ha dimostrato la pandemia di Covid-19.

Le persone che convivono con malattie non trasmissibili come l’obesità o il diabete erano maggiormente a rischio di ammalarsi gravemente e morire a causa del virus, afferma il rapporto.

I paesi più poveri sono i più colpiti

“I dati dipingono un quadro chiaro. Il problema è che il mondo non lo sta guardando”, avverte il rapporto.

Contrariamente alla credenza popolare, queste malattie dello “stile di vita” non sono principalmente un problema dei paesi ricchi.

Secondo lo studio, l’86% dei decessi prematuri globali di NCD si verifica nei paesi a basso e medio reddito.

Questo rende l’affrontare il problema non solo una questione sanitaria, ma anche una questione di “equità”, ha affermato Mikkelsen, sottolineando che molte persone nei paesi più poveri non hanno accesso alla prevenzione, alle cure e alle cure di cui hanno bisogno.

Un nuovo portale di dati NCD lanciato mercoledì dall’OMS mostra la più alta prevalenza di decessi per malattie cardiovascolari – il più grande killer del mondo – in paesi come l’Afghanistan e la Mongolia.

L’OMS ha affermato che è fuorviante considerare le malattie dello stile di vita delle malattie non trasmissibili, poiché gran parte dell’esposizione ai fattori di rischio è al di fuori del controllo di un individuo.

“Troppo spesso, l’ambiente in cui viviamo vincola le nostre decisioni, rendendo le scelte sane difficili, se non impossibili”, afferma il rapporto.

Sebbene i numeri siano sorprendenti, l’OMS ha sottolineato che si tratta di un problema in gran parte risolvibile, poiché i principali fattori di rischio per le malattie non trasmissibili sono noti, così come il modo migliore per affrontarli.

Consumo di tabacco, dieta malsana

L’uso di tabacco, una dieta scorretta, l’uso dannoso di alcol, l’inattività fisica e l’inquinamento atmosferico sono visti come le cause principali che guidano l’aumento vertiginoso del numero di NCD.

Il solo consumo di tabacco è responsabile di oltre otto milioni di morti ogni anno.

“Più di un milione di queste morti sono tra non fumatori, non fumatori, spettatori così innocenti”, ha detto ai giornalisti Doug Bettcher, consulente senior del capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus per le NCD.

Altri otto milioni di morti sono attribuibili a diete malsane, che significano cibo di qualità troppo scarsa, troppo o troppo scarsa, afferma il rapporto.

Il consumo dannoso di alcol, che tra le altre cose causa cirrosi epatica e tumori, uccide circa 1,7 milioni di persone all’anno, mentre l’inattività fisica è responsabile di circa 830.000 morti.

Ma l’OMS ha sostenuto nel suo rapporto che ci sono modi chiari e comprovati per ridurre quei fattori di rischio, insistendo sul fatto che se tutti i paesi li implementassero, 39 milioni di vite potrebbero essere salvate nei prossimi sette anni.

“L’OMS chiede a tutti i governi di adottare gli interventi che sono noti per lavorare per aiutare a evitare 39 milioni di morti entro il 2030 e rendere innumerevoli altre vite vissute più a lungo, più sane e più felici”, ha affermato Mikkelsen.

Il rapporto ha sottolineato che investimenti relativamente piccoli nella prevenzione e nel trattamento delle malattie non trasmissibili potrebbero fare un’enorme differenza.

Pompare altri 18 miliardi di dollari all’anno in tali misure nei paesi più poveri potrebbe generare benefici economici netti di 2,7 trilioni di dollari nei prossimi sette anni, ha affermato.

Source link