La dipendenza dai combustibili fossili mette a rischio la salute attuale e futura: esperti

Salute

Un attivista ambientale con il gruppo Extinction Rebellion DC scala il Wilson Building come parte di una manifestazione per la Giornata della Terra contro i combustibili fossili a Washington, DC il 22 aprile 2022.  — AFP
Un attivista ambientale con il gruppo Extinction Rebellion DC scala il Wilson Building come parte di una manifestazione per la Giornata della Terra contro i combustibili fossili a Washington, DC il 22 aprile 2022. — AFP

PARIGI: L’eccessiva dipendenza dai combustibili fossili sta peggiorando gli impatti sulla salute di crisi globali come i cambiamenti climatici, le pandemie e la sicurezza alimentare, ha affermato mercoledì un team internazionale di esperti in una terribile valutazione della strategia energetica dell’umanità.

Mentre i sistemi sanitari affrontano le ricadute del Covid-19, l’analisi ha rilevato che la stragrande maggioranza dei paesi stanzia ancora centinaia di miliardi di dollari per sussidi ai combustibili fossili, spesso pari a somme paragonabili o superiori ai loro budget sanitari.

L’annuale Lancet Countdown on Health and Climate Change ha rilevato che il caldo estremo – reso più probabile dal riscaldamento globale causato dalle emissioni di combustibili fossili – stava ora lasciando quasi 100 milioni di persone in più che affrontano una grave insicurezza alimentare, rispetto al periodo 2010-1981.

Ha affermato che la superficie terrestre globale colpita da siccità estrema è aumentata di quasi un terzo negli ultimi 50 anni, mettendo centinaia di milioni di persone a rischio di insicurezza idrica.

“Il cambiamento climatico sta già avendo un impatto negativo sulla sicurezza alimentare, con preoccupanti implicazioni per la malnutrizione e la denutrizione”, ha affermato Elizabeth Robinson, direttrice del Grantham Research Institute presso la London School of Economics e uno dei principali contributori del Countdown.

“Ulteriori aumenti della temperatura, della frequenza e dell’intensità degli eventi meteorologici estremi e delle concentrazioni di anidride carbonica, eserciteranno ancora più pressione sulla disponibilità e sull’accesso al cibo nutriente, soprattutto per i più vulnerabili”.

Robinson ha affermato che gli shock di approvvigionamento innescati dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio hanno evidenziato la suscettibilità del mondo alle interruzioni della catena alimentare.

‘Profondo fallimento’

La valutazione ha mostrato che i decessi legati al calore sono aumentati del 68% tra il 2017-2021 rispetto al 2000-2004 e l’esposizione umana a giorni ad alto rischio di incendio è aumentata del 61% in periodi di tempo simili.

Il rapporto ha mostrato che il cambiamento climatico sta influenzando anche la diffusione delle malattie infettive.

Ad esempio, il periodo di tempo adatto alla trasmissione della malaria è aumentato di quasi un terzo (32,1%) in alcune parti delle Americhe e del 14,0% in Africa nell’ultimo decennio, rispetto al 1951-1960.

Inoltre, il conto alla rovescia ha mostrato come i governi stessi stiano contribuendo alle crisi sanitarie sotto forma di sussidi ai combustibili fossili.

Sessantanove degli 86 governi analizzati stanno sovvenzionando la produzione e il consumo di combustibili fossili, per un totale netto di 400 miliardi di dollari nel 2019.

In un momento in cui le compagnie di combustibili fossili registrano profitti record e i consumatori sono alle prese con l’aumento delle bollette energetiche, il rapporto Lancet afferma che i piani delle 15 maggiori compagnie petrolifere e del gas erano incompatibili con i livelli di sicurezza del riscaldamento globale.

Ha scoperto che le aziende avrebbero dovuto produrre più del doppio della loro quota di emissioni di gas serra compatibili con 1,5 gradi Celsius di riscaldamento entro il 2040. Limitare il riscaldamento a 1,5°C è l’obiettivo più ambizioso dell’accordo sul clima di Parigi.

Al ritmo attuale ci vorrebbero 150 anni per decarbonizzare completamente il sistema energetico, ben lontano dall’obiettivo internazionale di zero netto al 2050.

“Le attuali strategie di molti governi e aziende bloccheranno il mondo in un futuro fatalmente più caldo, legandoci all’uso di combustibili fossili che stanno rapidamente chiudendo le prospettive per un mondo vivibile”, ha affermato Paul Ekins, professore di Risorse e politica presso l’University College Bartlett School di Londra.

Ha affermato che le emergenze climatiche e sanitarie sono il risultato di un “profondo fallimento” dei governi nel riconoscere l’urgente necessità di lavorare per un mondo a zero emissioni di carbonio.

Gli autori hanno chiesto una “risposta incentrata sulla salute” all’energia, al costo della vita e alle crisi climatiche.

Il miglioramento della qualità dell’aria aiuterebbe a prevenire i decessi dovuti all’esposizione ai combustibili fossili, di cui 1,3 milioni nel solo 2020.

Accelerare il passaggio alle diete a base vegetale ridurrebbe del 55% le emissioni agricole e preverrebbe fino a 11,5 milioni di decessi legati alla dieta all’anno, affermano gli autori.

Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres, rispondendo al rapporto, ha affermato che la “dipendenza” mondiale dai combustibili fossili era “fuori controllo”.

“La scienza è chiara: il grande buon senso in materia di energia rinnovabile e resilienza climatica assicurerà una vita più sana e sicura per le persone in ogni paese”.

Source link