La Cina ritira la principale app di monitoraggio COVID poiché le regole sui virus si allentano

Una persona vestita con equipaggiamento protettivo COVID sta usando il suo telefono cellulare.  — AFP/File
Una persona vestita con equipaggiamento protettivo COVID sta usando il suo telefono cellulare. — AFP/File

La Cina ha dichiarato lunedì che ritirerà un’app utilizzata per tenere traccia dei contatti COVID-19, una pietra miliare nel rapido allontanamento del paese dal suo strategia di tolleranza zero contro il coronavirus.

La “Communications Itinerary Card” gestita dallo stato, che tiene traccia se qualcuno è stato in un’area ad alto rischio in base al segnale del telefono, andrà offline alle 12 di martedì, secondo un post ufficiale di WeChat, dopo più di due anni di funzionamento.

La “Carta Itinerario” è stata una parte centrale di La politica cinese zero-Covidcon milioni di persone che devono digitare i propri numeri di telefono per produrre la freccia verde della firma per viaggiare tra le province o partecipare a eventi.

La decisione arriva pochi giorni dopo che la Cina ha annunciato la fine dei blocchi su larga scala, la quarantena obbligatoria nelle strutture centrali e un ampio allentamento delle misure di test, gettando di fatto la spugna sulla sua strategia zero-Covid.

I casi segnalati ufficialmente nel paese sono diminuiti drasticamente rispetto ai massimi storici del mese scorso, ma domenica il massimo esperto di salute cinese Zhong Nanshan ha avvertito nei media statali che la variante prevalente di Omicron si stava “diffondendo rapidamente” nel paese.

Lanciata per la prima volta nel 2020 con un sistema a quattro livelli che assegnava colori diversi a seconda del livello previsto di esposizione a Covid degli utenti, la scheda itinerario è stata modificata più volte prima di un cambiamento finale quest’anno ha ridotto il periodo di monitoraggio da 14 a sette giorni.

È solo una delle tante app di tracciamento che hanno governato la vita quotidiana in Cina durante la pandemia, con la maggior parte delle persone che utilizzava i “codici sanitari” locali gestiti dalla propria città o provincia per entrare in negozi e uffici.

Ma gli utenti dei social media hanno comunque salutato il ritiro della Carta degli itinerari, notando il simbolismo di Pechino che chiude la sua principale app di tracciamento.

Molti hanno pubblicato schermate dei loro “ultimi” accessi.

“Ciao ciao, questo annuncia la fine di un’era e ne accoglie anche una nuova di zecca”, ha scritto una persona sulla piattaforma Weibo simile a Twitter.

“Addio scheda itinerario, concerti qui che arrivo”, ha scritto un altro.

Altri hanno chiesto cosa ne sarebbe stato delle montagne di dati raccolti dall’app.

“La Carta Itinerario e altri prodotti simili significano enormi quantità di informazioni personali e dati privati”, ha scritto un utente di Weibo.

“Spero che ci saranno meccanismi e misure per disconnettersi ed eliminare questo.”

I capi economici globali lodano l’inversione zero-COVID della Cina

La scorsa settimana, i leader economici globali hanno anche salutato l’allontanamento della Cina dalla sua linea dura politica zero-COVID, con il capo del FMI che ha affermato che le “azioni decisive” aiuterebbero a rilanciare la crescita sia nel paese che a livello globale.

L’allentamento aiuterebbe a sostenere un’economia mondiale alle prese con l’impatto della pandemia e dell’invasione russa dell’Ucraina, ha affermato il capo dell’Organizzazione mondiale del commercio dopo la conferenza nella città orientale di Huangshan, ospitata dal premier cinese uscente Li Keqiang.

Source link

Previous post Domanda del lettore: dove posso donare abiti usati e libri in Italia?
Next post Il fondatore di FTX Sam Bankman-Fried arrestato alle Bahamas