La carenza di vitamina D potrebbe ucciderti: studio

Salute

(Rappresentativa) L'immagine mostra pillole vitaminiche.— Unsplash
(Rappresentativa) L’immagine mostra pillole vitaminiche.— Unsplash

Una recente ricerca condotta da scienziati dell’Università del South Australia ha rivelato che la carenza di vitamina D può causare morte prematura.

Numerosi studi hanno dimostrato i danni dei bassi livelli di vitamina D. Le stime mostrano che quasi il 40% degli adulti negli Stati Uniti è carente. Le cifre potrebbero essere anche peggiori per i paesi che non sono sviluppati e focalizzati sulla salute.

La vitamina D è un micronutriente che mantiene forti i muscoli e le ossa. Prima del recente studio, non c’erano prove sufficienti per dimostrare che bassi livelli di questa vitamina potessero effettivamente portare a morte prematura, ma ora, spiega l’autore dello studio e dottorando UniSA Josh Sutherland, lo studio UniSA ha raccolto prove sufficienti.

La carenza è più comune negli anziani, in quelli con una salute generalmente peggiore e nelle persone che non assorbono abbastanza vitamina D attraverso l’esposizione al sole e la dieta.

“Questo è il primo studio del suo genere a includere come risultato anche la mortalità correlata alle malattie respiratorie”, ha affermato Sutherland.

Ha detto che il gruppo di ricerca ha utilizzato un metodo genetico “per esplorare e affermare le relazioni non lineari che abbiamo visto in contesti di osservazione”.

Fino ad ora, era stato difficile stabilire una relazione causale tra morte prematura e carenza di vitamina D.

Gli esperti hanno studiato i dati di 307.601 pazienti forniti dalla Biobanca del Regno Unito.

Un’altra scoperta sorprendente dello studio pubblicato sulla rivista Annali di medicina interna era che le persone che avevano carenze più gravi si riprendevano più sane dopo il trattamento e il loro “rischio di morte diminuiva significativamente”.

“La chiave sta nella prevenzione”, ha affermato la professoressa Elina Hyppönen, ricercatrice senior e direttrice dell’Australian Center for Precision Health di UniSA, aggiungendo che gli interventi di sanità pubblica sono stati cruciali in materia.

Source link