La carenza di infermieri costringe alla chiusura dei pronto soccorso in tutto il Canada

Salute

Il Canada sta affrontando una grave carenza di infermieri.  Foto: AFP/file
Il Canada sta affrontando una grave carenza di infermieri. Foto: AFP/file

OTTAWA: Un acuto assistenza infermieristica la carenza sta intasando o addirittura chiudendo i pronto soccorso degli ospedali in tutto il Canada, spingendo un sistema sanitario nazionale già stressato sull’orlo con conseguenze potenzialmente gravi per la cura dei pazienti.

Burnout dalla pandemia di COVID-19, abusi da parte dei pazienti e malcontento salariale si sono visti personale infermieristico lasciare il lavoro a frotte e gli esperti affermano che la situazione è solo destinata a peggiorare.

L’impatto sulle cure di emergenza è tale che di recente la polizia di Ottawa ha dovuto portare una vittima in ospedale nella sua auto della polizia, piuttosto che aspettare un’ambulanza, e una donna anziana che è caduta e si è rotta l’anca è stata costretta ad aspettare sei ore per chiedere aiuto i paramedici si trovano a 100 chilometri (62 miglia) di distanza.

Durante l’estate e l’autunno, la carenza di personale ha comportato la chiusura di dozzine di pronto soccorso, a volte per una notte o un fine settimana, a volte più a lungo.

I tempi di attesa per vedere un medico di pronto soccorso sono saliti a 12, 16, 20 ore o più.

“Sono insensibili, sgonfi e si sentono senza speranza”, ha detto Cathryn Hoy, presidente dell’Ontario Nurses’ Association. Lei stessa un’infermiera per 20 anni, ha descritto la situazione come “critica”.

Amelie Inard, 32 anni, è stata portata al pronto soccorso a Montreal questa settimana, con dolore estremo e pipì sanguinolenta.

Il posto era pieno e un’infermiera preoccupata le disse di descrivere le sue condizioni “in una frase, molto rapidamente, a causa di quanto fossero occupati”, ha detto Inard.

Alla fine se ne andò frustrata, senza vedere un medico.

I carichi di lavoro ospedalieri stanno aumentando, ha detto Hoy, insieme all’esasperazione dei pazienti per i lunghi tempi di attesa, portando a un aumento della violenza contro gli infermieri.

Diverse infermiere hanno detto all’AFP di essere state picchiate, graffiate o sputate addosso e di aver ricevuto vassoi, piatti e feci.

“Condizioni pazze”

Nella capitale Ottawa, le ambulanze non sono state disponibili in più di 1.000 occasioni da gennaio a luglio, poiché i paramedici erano bloccati in attesa di scaricare i pazienti nei pronto soccorso affollati.

Un ospedale di Peterborough, a est di Toronto, la scorsa settimana è stato costretto a curare i pazienti sulle barelle nel parcheggio perché il suo pronto soccorso era pieno, ha detto Hoy.

A Manitoba, la dottoressa Merril Pauls ha detto che c’erano state “più volte durante l’estate in cui abbiamo dovuto chiudere i letti al pronto soccorso” presso il Centro di scienze della salute di Winnipeg a causa della carenza di infermieri.

In una recente domenica, ha detto: “Avevamo troppe persone che entravano e non avevamo un posto dove metterle. Stavamo letteralmente mettendo due pazienti critici in un reparto di rianimazione.

“Le nostre infermiere stanno davvero lavorando in condizioni pazze”.

È un “fenomeno davvero significativo in corso in tutto il paese”, ha aggiunto il medico, e “sta peggiorando”.

Alto fatturato

Un recente sondaggio della Canadian Union of Public Employees, il più grande sindacato del paese, ha rilevato che l’87% degli infermieri ha preso in considerazione l’idea di lasciare il lavoro “a causa delle condizioni di lavoro ingrate ed estenuanti”.

“Anche i neolaureati si stanno licenziando”, ha detto Hoy.

Il ministro della salute federale Jean-Yves Duclos ha promesso di facilitare il riconoscimento delle credenziali estere. Ciò potrebbe aiutare 11.000 medici e infermieri formati a livello internazionale a trovare lavoro nel loro campo in Canada.

Ma questo non sarà abbastanza, con 34.400 posizioni infermieristiche ora vacanti, secondo i dati del governo.

Ad aggravare il problema, molti canadesi – come Inard – non hanno un medico di famiglia e si rivolgono al pronto soccorso per le cure.

“È così difficile trovare un medico di famiglia”, ha detto.

E una frequente carenza di letti ospedalieri regolari spesso significa lunghe attese per trasferire i pazienti dai pronto soccorso ai reparti.

L’Ontario ha approvato alla fine di settembre un disegno di legge che consente il trasferimento di pazienti in attesa di cure a lungo termine a strutture fino a 150 chilometri di distanza.

Il ministro della Sanità provinciale Sylvia Jones ha affermato che “allevierà le pressioni sugli affollati dipartimenti di emergenza”.

Ma i critici affermano che potrebbe costringere le persone fragili e anziane in case di cura lontane dai loro cari.

Per ora, alla fine si vedono quasi tutti coloro che necessitano di cure. Ma i ritardi possono comportare conseguenze a lungo termine per la salute dei pazienti.

“Se un paziente con ictus non ottiene l’accesso rapido a un farmaco anti-coaguli, le cellule cerebrali moriranno e il paziente finirà per essere più disabile di quanto sarebbe stato”, ha detto Pauls.

Le infezioni gravi possono essere mortali se non trattate in tempo. Così possono anche i tumori e altre malattie, ha aggiunto.

Pauls ha ricordato di aver detto abitualmente ai pazienti dimessi “di tornare se le cose peggiorano”.

“Ma ora ridono di noi. Dicono: ‘Sei matto. Non c’è modo che riesca a superare tutto questo di nuovo”.

Source link