I social media possono causare depressione?

Una persona che tiene un telefono verso il cielo.— Unsplash
Una persona che tiene un telefono verso il cielo.— Unsplash

I social media sono per alcune persone un metodo semplice per rimanere in contatto con amici e familiari. È anche una fonte di notizie e al passo con l’attualità. Tuttavia, può anche avere un lato negativo, offrendo una prospettiva distorta della realtà che fa sentire le persone sensibili sole e gelose.

Ci sono legami tra l’uso dei social media e depressionesecondo gli studi.

Cos’è la depressione?

La depressione è più di un breve periodo di tristezza. È una grave malattia mentale che ha un impatto sul tuo umore, pensiero e comportamento. Può provocare una varietà di problemi mentali e fisici che alla fine compromettono la tua capacità di esibirti al lavoro oa casa.

I problemi di salute mentale sono in aumento e la depressione è ora la principale causa di disabilità nel mondo. Quasi 17 milioni di adulti solo negli Stati Uniti soffrono di depressione.

Ciò che provoca la depressione è ancora un mistero per i professionisti medici. La genetica, la biologia, l’ambiente e gli aspetti psicologici possono tutti avere un ruolo. Ci sono numerose variabili che potrebbero portare alla depressione, come ad esempio:

  • Circostanze di vita
  • Ormoni
  • Infiammazione
  • Genetica

Recenti ricerche hanno mostrato un legame tra l’uso dei social media e la depressione.

I social media possono causare depressione?

I giovani adulti usano di più i social media e hanno anche i più alti tassi di depressione.

Gli adolescenti continuano a crescere e cambiare. L’intero sviluppo del cervello non si verifica fino alla metà degli anni ’20, secondo una recente ricerca. Le parti frontali e temporali del cervello impiegano più tempo a sviluppare i centri emotivi e cognitivi. Queste aree sono responsabili del controllo degli impulsi, del giudizio e del processo decisionale.

Il cervello è particolarmente suscettibile alle influenze esterne quando è ancora in crescita e cambia durante questa fase di sviluppo. I social media possono essere dannosi per la tua salute mentale perché espongono costantemente gli utenti a immagini modificate di perfezione, che possono generare emozioni di solitudine e pensieri di inadeguatezza.

Una cultura del confronto è incoraggiata dai social media. Sui social media, a differenza che nella vita reale, hai accesso ai momenti salienti della vita di altre persone e potresti iniziare a pensare che tutti gli altri stiano vivendo una vita più emozionante e significativa di te. Questo può portare a sentimenti di inferiorità, solitudine e invidia.

Secondo uno studio significativo, coloro che utilizzano maggiormente i social media nel corso dei prossimi sei mesi hanno un rischio fino a tre volte maggiore di sviluppare la depressione rispetto a coloro che li utilizzano di meno.

Sentimenti di isolamento

Oltre ai problemi con il confronto, i social media possono anche causare sentimenti di solitudine e isolamento. Le ore trascorse quotidianamente sui social media potrebbero prendere il posto di interazioni faccia a faccia più vantaggiose. Inoltre, può portare a ulteriori malintesi, che complicherebbero le relazioni e aumenterebbero la possibilità di problemi di salute mentale.

Il tempo trascorso sui social media e i sentimenti di isolamento sociale, secondo una ricerca condotta tra giovani di età compresa tra 19 e 32 anni, sono correlati.

Potresti chiederti perché non sei stato invitato a un evento di Facebook o ti senti obbligato a vedere ogni post che qualcuno fa. Quando sei costantemente online, le interazioni virtuali hanno la precedenza su quelle fisiche. Queste relazioni digitali potrebbero generare emozioni di isolamento perché sono spesso fugaci e non possono sostituire gli incontri di persona.

Source link

Previous post L’italiano Meloni critica il fondo dell’Eurozona prima del dibattito parlamentare
Next post Il Burkina Faso espelle il coordinatore residente ONU italiano