I medici chiedono limiti di zucchero e sale negli alimenti per bambini

Una donna che allatta un bambino con un cucchiaio.— Unsplash
Una donna che allatta un bambino con un cucchiaio.— Unsplash

Nel Regno Unito, pediatri e dentisti hanno esortato il governo a stabilire limiti vincolanti a livello nazionale sulla quantità di sale e zucchero che possono essere utilizzati in cibo per bambini.

I principali professionisti medici hanno definito una “disgrazia nazionale” che alcuni prodotti consumati dai bambini contengano più zucchero di una bibita Coca-Cola.

Nonostante le raccomandazioni mediche secondo cui i bambini non dovrebbero consumare zucchero, hanno avvertito e notato che alcuni alimenti destinati ai bambini di età inferiore a un anno possono potenzialmente contenere fino a due terzi dell’assunzione giornaliera di zucchero raccomandata da un adulto, mettendo in pericolo la salute delle generazioni future.

L’ex cancelliere conservatore George Osborne e l’ex primo ministro laburista Sir Tony Blair hanno entrambi ribadito la necessità di ulteriori azioni salute del bambino nel Regno Unito.

Con un bambino su tre che diventa sovrappeso quando si diploma alla scuola elementare in Gran Bretagna, l’obesità infantile è in aumento.

Il Royal College of Paediatrics and Child Health (RCPCH) del Regno Unito, che ha presentato la richiesta di azione, ha affermato che il governo non aveva intrapreso alcuna azione in merito alla bozza di linee guida commerciali per alimenti e bevande per bambini che aveva suggerito nel 2020, ha riferito Mail giornaliera.

L’istituzione ha affermato che, di conseguenza, non ci sono state restrizioni sulla quantità di sale e zucchero che possono essere presenti nei prodotti sugli scaffali dei supermercati, trasformando l’attività in un selvaggio West.

L’attuale mancanza di azione, secondo il presidente dell’RCPCH, la dott.ssa Camilla Kingdon, non può continuare.

“È una vergogna nazionale che al momento non ci siano indicazioni sui livelli di sale e zucchero nei prodotti destinati ai bambini, che si trovano in una fase critica del loro sviluppo”, ha affermato. Mail giornaliera.

“Nella mia pratica, vedo genitori di bambini molto piccoli che acquistano buste e vasetti per alimenti per bambini con il presupposto che stanno dando ai loro figli il miglior inizio possibile”, ha aggiunto.

Parole d’ordine come “tutto biologico”, “zuccheri naturali” e “approvato dal punto di vista nutrizionale” sono impiegate nei metodi di marketing rivolti ai genitori. Questo è nella migliore delle ipotesi disonesto, crede.

Un’azione è stata richiesta anche dalla British Dental Association (BDA), che all’inizio di quest’anno ha pubblicato una ricerca che dimostra che alcuni sacchetti di alimenti per bambini possono contenere più zucchero in volume della Coca-Cola.

Secondo il presidente della BDA Eddie Crouch, il governo non può continuare a permettere ai genitori di essere indotti a permettere ai loro figli di sviluppare una dipendenza da zucchero.

“La carie è la ragione numero uno dei ricoveri ospedalieri tra i bambini piccoli”, ha affermato il portavoce.

I ministri, tuttavia, incoraggiano i genitori ad acquistare articoli che espongono i loro figli allo zucchero fin dalla tenera età, ha affermato avvertendo che se non si fa nulla al riguardo, l’industria alimentare continuerà a commercializzare articoli più zuccherati della cola come alternative salutari.

Occorre lavorare di più, secondo Osborne, che ha definito “deludente” la mancanza di progressi in questo settore.

Entro ottobre 2022, la pubblicità televisiva e online di cibi ricchi di grassi, zucchero e sale doveva cessare, come parte di una campagna contro l’obesità che è stata per lo più implementata sotto l’ex primo ministro Boris Johnson.

Tuttavia, è stato recentemente scoperto che il governo aveva ritardato le restrizioni fino all’ottobre 2025 per concedere alle aziende più tempo per rielaborare i propri prodotti e rivedere i propri piani di marketing.

L’indagine della BDA, che è stata rilasciata a luglio, ha esaminato 109 sacchetti di alimenti per bambini destinati a bambini di età inferiore a 12 mesi.

Molti dei prodotti contenevano fino a due terzi dell’assunzione giornaliera di zucchero raccomandata per gli adulti di 30 g.

Secondo le raccomandazioni del SSN, non esiste un limite massimo alla quantità di zucchero che i bambini di età inferiore ai quattro anni dovrebbero ingerire, anche se si consiglia di limitarne il più possibile l’assunzione.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di consumare poco o niente zucchero nella dieta dei neonati. Una delle cose che si pensa porti all’obesità infantile è l’elevato consumo di zucchero.

Il diabete di tipo 2, l’asma e l’ipertensione sono solo alcuni dei problemi di salute che il sovrappeso può comportare; secondo l’RCPCH, queste condizioni stanno diventando più comuni nei bambini.

Troppo zucchero contribuisce alla carie dentale, che negli ultimi quattro anni è diventata la principale causa di ricoveri ospedalieri nei bambini di età compresa tra i cinque ei nove anni nel Regno Unito.

Source link

Previous post ULTIME: L’Italia ordina lo screening Covid per tutti gli arrivi dalla Cina
Next post Dai cervelli fritti alle torte “sexy”: i cibi italiani che potresti non aspettarti in Italia