Gli scienziati scoprono come l’inquinamento atmosferico provoca il cancro ai polmoni

Salute

Una giovane ragazza indossa una maschera con sopra scritto My Right to Breathe.  — File AFP
Una giovane ragazza indossa una maschera con sopra scritto “Il mio diritto di respirare”. — File AFP

PARIGI: Gli scienziati hanno affermato sabato di aver identificato il meccanismo attraverso il quale l’inquinamento atmosferico provoca il cancro ai polmoni nei non fumatori, una scoperta che un esperto ha salutato come “un passo importante per la scienza e per la società”.

La ricerca ha illustrato il rischio per la salute rappresentato dalle minuscole particelle prodotte dalla combustione di combustibili fossili, suscitando nuove richieste per un’azione più urgente per combattere il cambiamento climatico.

Potrebbe anche aprire la strada a un nuovo campo di prevenzione del cancro, secondo Charles Swanton del Francis Crick Institute del Regno Unito.

Swanton ha presentato la ricerca, che non è stata ancora pubblicata su una rivista peer-reviewed, alla conferenza annuale della European Society for Medical Oncology a Parigi.

Si ritiene da tempo che l’inquinamento atmosferico sia collegato a un rischio maggiore di cancro ai polmoni nelle persone che non hanno mai fumato.

“Ma non sapevamo davvero se l’inquinamento stesse causando direttamente il cancro ai polmoni – o come”, ha detto Swanton AFP.

Tradizionalmente si è pensato che l’esposizione ad agenti cancerogeni, come quelli presenti nel fumo di sigaretta o nell’inquinamento, provocasse mutazioni del DNA che poi si trasformano in cancro.

Ma c’era una “verità scomoda” in questo modello, ha detto Swanton: ricerche precedenti hanno dimostrato che le mutazioni del DNA possono essere presenti senza causare il cancro e che la maggior parte degli agenti cancerogeni ambientali non causano le mutazioni.

Il suo studio propone un modello diverso.

Una futura pillola contro il cancro?

Il team di ricerca del Francis Crick Institute e dell’University College London ha analizzato i dati sanitari di oltre 460.000 persone in Inghilterra, Corea del Sud e Taiwan.

Hanno scoperto che l’esposizione a minuscole particelle di inquinamento PM2,5 – che hanno un diametro inferiore a 2,5 micron – ha portato a un aumento del rischio di mutazioni nel gene EGFR.

In studi di laboratorio sui topi, il team ha dimostrato che le particelle causavano cambiamenti nel gene EGFR e nel gene KRAS, entrambi collegati al cancro ai polmoni.

Infine, hanno analizzato quasi 250 campioni di tessuto polmonare umano mai esposto ad agenti cancerogeni causati dal fumo o da un forte inquinamento.

Anche se i polmoni erano sani, hanno trovato mutazioni del DNA nel 18% dei geni EGFR e nel 33% dei geni KRAS.

“Sono semplicemente seduti lì”, ha detto Swanton, aggiungendo che le mutazioni sembrano aumentare con l’età.

“Da soli, probabilmente non sono sufficienti per guidare il cancro”, ha detto.

Ma quando una cellula è esposta all’inquinamento può innescare una “risposta di guarigione delle ferite” che provoca infiammazione, ha detto Swanton.

E se quella cellula “porta una mutazione, allora formerà un cancro”, ha aggiunto.

“Abbiamo fornito un meccanismo biologico dietro quello che in precedenza era un enigma”, ha detto.

In un altro esperimento sui topi, i ricercatori hanno dimostrato che un anticorpo potrebbe bloccare il mediatore – chiamato interleuchina 1 beta – che innesca l’infiammazione, impedendo in primo luogo l’insorgenza del cancro.

Swanton ha affermato di sperare che la scoperta “fornisca basi fruttuose per un futuro di quella che potrebbe essere la prevenzione del cancro molecolare, dove possiamo offrire alle persone una pillola, forse ogni giorno, per ridurre il rischio di cancro”.

‘Rivoluzionario’

Suzette Delaloge, che dirige il programma di prevenzione del cancro presso l’istituto francese Gustave Roussy, ha affermato che la ricerca è stata “abbastanza rivoluzionaria, perché praticamente non avevamo alcuna dimostrazione precedente di questo modo alternativo di formazione del cancro.

“Lo studio è un passo piuttosto importante per la scienza e anche per la società, spero”, ha detto all’AFP.

“Questo apre una porta enorme, sia per la conoscenza ma anche per nuovi modi per prevenire” lo sviluppo del cancro, ha affermato Delaloge, che non è stato coinvolto nella ricerca ma ne ha discusso durante la conferenza di sabato.

“Questo livello di dimostrazione deve costringere le autorità ad agire su scala internazionale”.

Tony Mok, oncologo dell’Università cinese di Hong Kong, ha definito la ricerca “emozionante”.

“Significa che possiamo chiederci se, in futuro, sarà possibile utilizzare le scansioni polmonari per cercare lesioni precancerose nei polmoni e provare a invertirle con farmaci come gli inibitori dell’interleuchina 1 beta”, ha affermato.

Swanton ha definito l’inquinamento atmosferico un “assassino nascosto”, indicando che la ricerca stima che sia collegato alla morte di oltre otto milioni di persone all’anno, circa lo stesso numero del tabacco.

Altre ricerche hanno collegato il PM2,5 a 250.000 decessi all’anno per cancro ai polmoni.

“Io e te possiamo scegliere se fumare o meno, ma non possiamo scegliere l’aria che respiriamo”, ha affermato Swanton, che è anche il capo clinico del Cancer Research UK, che è stato il principale finanziatore della ricerca .

“Dato che probabilmente cinque volte più persone sono esposte a livelli di inquinamento malsani rispetto al tabacco, puoi vedere che questo è un problema globale piuttosto grave”, ha aggiunto.

“Possiamo affrontarlo solo se riconosciamo i legami davvero intimi tra salute climatica e salute umana”.

Source link