Alcune persone sono più inclini a temere i ricordi rispetto ad altre?

Arte dall'aspetto inquietante in cui una persona è di fronte e di lato allo stesso tempo.  — Spruzza
Arte dall’aspetto inquietante in cui una persona è di fronte e di lato allo stesso tempo. — Spruzza

Un recente studio di ricerca condotto da scienziati dell’Università di Linköping, in Svezia, ha scoperto nuove informazioni sui meccanismi alla base dello sviluppo di forti ricordi di paura e disturbi legati all’ansia.

Pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Psychiatry, lo studio è stato condotto sui ratti. Normalmente, la paura è un’emozione protettiva che dovrebbe aiutare a sfuggire a situazioni pericolose per la vita.

Tuttavia, in alcuni disturbi legati all’ansia come il disturbo da stress post-traumatico, le reazioni di paura possono superare la normale espressione e continuare ad esistere anche quando non sono necessarie.

Di conseguenza, il corpo può rimanere in modalità volo o combattimento, portando alla disabilità per le persone colpite.

I ricercatori ritengono che alcune persone siano più inclini a paure patologiche rispetto ad altre perché persone diverse possono elaborare ricordi spaventosi in modi diversi.

Alcune aree del cervello sono dedicate all’elaborazione della paura. L’amigdala lavora insieme alla corteccia prefrontale. Entrambi sono cruciali quando si tratta della regolazione delle emozioni, la paura è una di queste.

La rete di cellule nervose che collega le due parti è alterata in quelle con PTSD e altri disturbi d’ansia, ha osservato l’autore principale dello studio, Estelle Barbier, che è assistente professore presso il Center for Social and Affective Neuroscience (CSAN), e il Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche (BKV) dell’Università di Linköping.

Gli esperti hanno ora studiato a fondo questi meccanismi molecolari e studiato una proteina chiamata PRDM2 che è un enzima epigenetico. Questa proteina impedisce a molti geni di esprimersi.

Bassi livelli della proteina possono portare a risposte allo stress esagerate. PRDM2 si trova in quantità minori nei dipendenti da alcol.

Barbier ha affermato di aver identificato un meccanismo in cui una maggiore attività nella rete può aumentare le “reazioni di paura appresa”.

“Mostriamo che la down-regulation di PRDM2 aumenta” lo sviluppo dei ricordi a lungo termine legati alla paura, ha spiegato.

Gli autori hanno affermato che i pazienti con ansia avevano bisogno di trattamenti che potessero indebolire o cancellare i ricordi della paura.

“Il meccanismo biologico che abbiamo identificato comporta una down-regulation di PRDM2 e al momento non abbiamo alcun modo per aumentarlo”.

Anche se non c’è modo di aumentare il PRDM2 in questo momento, i ricercatori hanno rivelato la spiegazione dietro alcune persone che hanno “maggiore vulnerabilità allo sviluppo di disturbi d’ansia”.

Source link

Previous post Ex capo della sicurezza di Uber condannato per aver nascosto un reato
Next post Come l’inno italiano ‘Bella Ciao’ è diventato un inno rivoluzionario globale